Materassi e reti come scegliere – DormHouse Formia e Fondi ci aiuta

materassi formia fondi con rete

Scegliere un materasso e una rete adatta a noi è molto complicato soprattutto perché bisogna valutare sia le nostre esigenze personali ma soprattutto le caratteristiche che ogni rete o materasso dispone. Il materasso come la rete sono due strumenti importanti che possono migliorare la qualità del nostro sonno, ma qual è il miglior materasso e la miglior rete?

DormHouse vi aiuterà a scegliere nel migliore dei modi questi due strumenti, in quanto è uno dei rivenditori del marchio Permaflex, che da anni si occupa di donare ai propri consumatori solo i prodotti migliori.

Pochi passi per capire come scegliere un materasso

  1. Prima di scegliere quale sia migliore fra tutti è bene che si conosca la conformazione del letto in modo tale da poter orientare la scelta del proprio materasso. Se il letto ha un cassettone al di sotto viene sconsigliato scegliere un materasso in lattice perché l’umidità che si pone al di sotto potrebbe portare alla creazione di muffe sul materasso.
  2. La scelta del materasso può essere anche basata sulle abitudini del sonno, se si ha un sonno agitato il materasso adatto è quello in lattice che è in grado di garantire maggiore libertà di movimento, mentre il materasso in Memory foam è più adatto per coloro che durante il sonno rimangono immobili.
  3. La rigidità nel materasso è molto importante in quanto possono essere presenti diverse livelli di rigidità. Un materasso rigido è indicato per individui dal peso maggiore questo perché una maggiore rigidità potrebbe garantire una durata maggiore nel tempo del prodotto. Invece un materasso con meno rigidità sono adatti per bambini, anziani e per persone leggere.
  4. La scelta dei materiali è davvero importante soprattutto per chi soffre di allergia, infatti nonostante il lattice sia un materiale anallergico è sempre un prodotto naturale e quindi potrebbe creare dei fastidi, è bene che si scelga un materasso in Memory dove il suo materiale all’interno è sintetico.

Come scegliere una rete?

La rete deve essere scelta in base al materasso che si ha, è molto importante che questi due elementi siano coordinati fra loro. Se il materasso risulta più sottile la rete dovrebbe dunque essere più rigida, è bene che si acquisti sempre una rete dalla rigidità regolabile.

Oltre al materasso bisogna tener conto delle proprie esigenze fisiche, in circolazione vi sono varie linee di reti, dalle motorizzate che permettono di regolare l’inclinazione, alle reti a doghe che possono essere con o senza movimento, alle reti ortopediche per chi ha problemi di schiena, le doghe sono state rese più rigide nella zona delle spalle e delle gambe e più elastiche nella zona del bacino.

Per ulteriori informazioni: http://www.dormhouse.eu/reti/

Materassi e reti come scegliere – DormHouse Formia e Fondi ci aiuta

Le tipologie di tableau romantico per il tuo wedding

tableau matrimonio pescara

Chi sceglie come location per il giorno del proprio matrimonio una città magica come Pescara, non può non prendere in considerazione l’idea di una cerimonia in spiaggia.
Sono molti gli Italiani che, magari dopo una vacanza fuori porta, si innamorano di questa bellissima realtà: la sabbia sottile e chiara, quasi argentea, ed il mare cristallino tipico della costa adriatica.
I ricordi legati a queste caratteristiche importanti sono talmente lieti che un’ idea inizia a generarsi nell’ immaginario dei futuri sposi: perchè non sposarsi proprio lì, nel circondario di Pescara, magari con una cerimonia sul mare?
Ed iniziano i preparativi, dagli inviti, alla scelta della spiaggia più idonea all’ evento, fino al tableau de mariage.

Il tabeau de mariage più originale

Ed è proprio a quest’ ultimo che vorrei prestare particolare attenzione perchè, se l’ allestimento sarà unico grazie alla meravigliosa cornice marittima, anche questo elemento dovrà essere originale e diverso dai soliti.

Come ben saprete, esso è davvero molto utile per la perfetta riuscita di un matrimonio, permettendo di organizzare il ricevimento degli ospiti.

Il tableau classico per matrimonio ha la struttura di una bacheca, sulla quale vengono applicati dei cartoncini con i tavoli e, per ognuno, gli invitati.
Un divertente tableau a tema marino prevede il riconoscimento dei tavoli, anzichè con i numeri, con i nomi dei vari nodi marinari. La bacheca è colorata con tonalità dell’ azzurro e del blu, per accentuare ancora di più il tema del matrimonio e, un’ idea simpatica, potrebbe essere quella di fermare i tovaglioli presenti a tavola con il nodo corrispondente.

Un’ alternativa originale alla bacheca classica, si può ricavare da una vecchia rete da pesca. Essa verrà adagiata ad un supporto, un cavalletto da pittore ad esempio, avendo cura di mantenerla piuttosto distesa. Verranno quindi fissate delle provette in vetro contenenti una mappa, indirizzante al tavolo, proprio per ricordare gli antichi messaggi nelle bottiglie. Per addobbare maggiormente questo semplice, ma d’ effetto, tableau ci si può sbizzarrire con con oggetti raffiguranti stelle marine e conchiglie colorate da applicare in ordine casuale.
Un’ idea semplice e di poco costo, ma originale e spiritosa, in grado di diffondere un’ aura rilassante e ricca di storia.

Se lo spazio a vostra disposizione è abbastanza esteso, potete allestire un tableau orizzontale: un semplice tavolo rotondo o quadrato, con una tovaglia dalle tinte marine, ospiterà perfettamente delle piccole barche in vetro colorato. I vari natanti stilizzati, che copriranno anche la funzione di bomboniere per gli ospiti, verranno suddivisi in gruppi, idealmente i tavoli, con il nome dei vari paesini sulla costa pescarese. Dei centrotavola composti da fiori galleggianti, con il nome del paese, svetteranno durante il momento del pasto.

Amate crogiolarvi ore e ore sotto il sole caldo delle spiagge abruzzesi? Allora questo tableau potrebbe colpirvi più dei precedenti.
Su una superficie piana, ricavata da un tavolo, disponete della sabbia. Su di essa deponete delle conchiglie, magari proprio quelle raccolte con amore durante le vacanze passate, saranno perfette per riconoscere il tavolo con il nome del guscio corrispondente.

Insomma, con un po’ di inventiva è possibile predisporre un tableau de mariage davvero molto originale, che rederà ancora più unico questo giorno importantissimo nella vita di una coppia.
Se, invece, gli altri preparativi per le nozze prendono il sopravvento e non vi resta tempo per organizzare anche questo elemento fondamentale per la perfetta riuscita del rinfresco, rinomati wedding planner di Pescara e provincia saranno lieti di indirizzarvi in questa scelta. Con la loro esperienza e la loro abilità nel combinare tecniche di cucito creativo agli acquerelli, piuttosto che all’arte dell’origami. Mantenendo il medesimo fil rouge, vengono realizzati anche vari tipi di bomboniere personalizzate, partecipazioni, porta riso e segnaposto.

Le tipologie di tableau romantico per il tuo wedding

Guaina liquida: Per combattere umidità ed infiltrazioni

I danni dovuti ad una inesistente o cattiva impermeabilizzazione delle superfici rappresentano, spesso, fonte di disagio non trascurabile.

guaina_liquida_

La guaina liquida è un sistema di impermealizzazione per combattere umidità ed infiltrazioni. Questo prodotto è adatto a un numeroso e vario tipo di superfici, quali tetti, balconi, terrazzi ma anche vasche e piscine. La guaina liquida può risolvere alcuni frai più comuni e diffusi disagi provocati dall’infiltrazione dell’acqua e, qualora ci siano le condizioni adatte, andrebbe preso in considerazione il suo utilizzo. Questo prodotto impermeabilizzante può essere installato direttamente su un’altra guaina esistente – il procedimento prende il nome di guaina su guaina – o essere applicato ex novo su altre superfici. La guaina liquida vanta anche un’ottima resistenza ai raggi UV e può essere lasciata a vista o si può ricoprire con della pavimentazione. In caso di una pavimentazione già esistente, il supporto deve essere adeguatamente preparato e pulito, vale a dire che andranno eliminati tutti quei fattori esterni quali, ad esempio, la presenza di oli, grassi, erbacce, muschi, soprattutto negli angoli dove lo sporco si deposita più facilmente.

Dopo aver pulito accuratamente la superficie da trattare, con l’uso di una monospazzola si procede all’inumidimento ed alla carteggiatura. Infine, si ripulisce la superficie prima di passare alla seconda fase dell’intervento. Spesso può essere necessario applicare un rinforzo per la guaina, come ad esempio la fibra di vetro; in questo caso ci si occuperà di ricoprire gli angoli perimetrali e gli scarichi presenti. Dopo la copertura delle parti verticali della superficie, si procederà occupandosi di quelle orizzontali: la guaina va stesa con un rullo, per tutta la superficie. Se si è scelto di rinforzarla con della fibra vetro, quest’ultima verrà applicata sulla guaina ancora fresca e poi ricoperta di un ulteriore strato di guaina liquida, comprimendo a dovere al fine di evitare la creazione di rilievi o bolle d’aria. Una volta asciutta, va applicata la seconda mano di guaina liquida, cominciando sempre dalle superfici verticali ed estendendo l’operazione a quelle orizzontali. L’operazione va ripetuta più volte, a seconda del grado di impermealizzazione desiderato. Quando avremo raggiunto il livello ottimale, il lavoro sarà completo.

La guaina può essere lasciata a vista oppure si può optare per l’installazione di una nuova pavimentazione, in questo caso si procederà come segue. Trascorsi almeno sette giorni dall’applicazione – e l’asciugatura – della guaina, possiamo rivestirla incollando la pavimentazione direttamente su di essa, con l’ausilio di un collante idoneo, con l’accortezza di distribuire la pavimentazione lasciando scoperta la fuga perimetrale che tornerà utile in caso di espansione. Una volta completata la pavimentazione, ci si occuperà dei battiscopa, posizionandoli ad una distanza di circa 1 cm dalla superficie. Questa scelta eviterà di rovinare il lavoro, a causa della dilatazione durante l’asciugatura. Una volta applicato il battiscopa, si procederà a sigillare la parte scoperta – l’interstizio che avremo lasciato libero – con del sigillante adatto, che consenta alla pavimentazione di assestarsi perfettamente. Questo articolo esplora uno degli usi più comuni della guaina liquida, tuttavia, ogni situazione presenta delle differenze e necessita di un intervento personalizzato, in base alla tipologia di superficie da trattare e ad altri parametri esterni che andranno opportunatamente valutati. Per una consulenza gratuita si può contattare il team di esperti di www.resine.it che sarà in grado di fornire tutte le informazioni necessarie.

Guaina liquida: Per combattere umidità ed infiltrazioni

Barbecue A Gas: vantagi e svantaggi

Barbecue A Gas modelli e vantaggi

Il barbecue a gas

Il Barbecue A Gas risulta essere un oggetto che, molte persone che amano le gite ed il buon sapore della carne, decidono di acquistare e utilizzare.

Ma vediamo quali sono i punti a favore ed a sfavore di tale articolo, in maniera tale che una persona possa scegliere se acquistarlo oppure se optare per altri articoli.

I pregi del barbecue a gas

Il Barbecue A Gas risulta essere un articolo che possiede un grande pregio, ovvero quello di essere abbastanza facile da utilizzare: non occorre seguire un lungo e complicato tipo di operazioni per poterlo mettere in funzione.

Esso, con pochissimi passaggi, potrà essere adoperato senza che possano nascere delle complicazioni di natura differente.

Inoltre, questa particolare tipologia di articolo può montare diversi tipi di bombola: grande, piccola o media non fa alcuna differenza, visto che sarà possibile poter cucinare senza alcuna difficoltà adoperando l’articolo.

Infine, una persona potrà optare per una vastissima gamma di modelli fra cui anche il barbecue a gas in pietra lavica, ognuno dei quali in grado di offrirgli degli aspetti che risultano essere positivi e che le garantiscono il massimo risultato.

Gli svantaggi del barbecue alimentato a gas

Il Barbecue A Gas possiede però diversi svantaggi, come ad esempio il costo: anche quei modelli che risultano essere abbastanza semplici potrebbero essere caratterizzati da un prezzo che risulta essere veramente elevato e che non permette, ad una persona, di poter evitare sacrifici di tipo economico per quanto riguarda l’acquisto dell’articolo in questione.

Inoltre, anche i modelli che sono basilari possono essere difficili da trasportare: se da una parte utilizzarli risulta essere semplice, il trasporto potrebbe creare non pochi problemi a quella persona che vorrebbe recarsi all’aperto e cucinare delle ottime pietanze con tale articolo.

Attenzione

Infine bisogna prestare la massima attenzione al gas, specie quando si è all’aria aperta: una fuga di gas potrebbe non essere percepita da una persona, che potrebbe rischiare di andare incontro a delle conseguenze negative se non dovesse adottare tutte le misure di sicurezza quando si utilizza tale oggetto.

Barbecue A Gas: vantagi e svantaggi

Lettore smart card e firma digitale: cose da sapere

smartcard-firma-digitaleVademecum firma digitale. Tutto su smart card, lettori e terminali

L’innovazione tecnologica ed il forte ricorso alla digitalizzazione, avvenuti in molteplici settori della vita pubblica e privata, hanno determinato un ragguardevole incremento tanto della produttività aziendale quanto dello scambio di informazioni. I notevoli vantaggi introdotti dalla globalizzazione informatica sono accompagnati, purtroppo, da altrettante insidie che minano la sicurezza patrimoniale e personale di tutti gli utenti che interagiscono nel cyber-space. Al fine di arginare e ridimensionare i fraudolenti trabocchetti virtuali molte aziende che operano nel settore della sicurezza informatica sono costantemente impegnate ad elaborare nuove soluzioni ed architetture informatiche rivolte ad elevare, sempre più, gli standard di sicurezza.

Proporre un’analisi completa dell’intero settore della sicurezza informatica è decisamente di enorme laboriosità, se si considera il vasto ambito di applicazione. Consapevoli di ciò ci limiteremo ad analizzare un particolare aspetto della cyber-security e precisamente: la firma digitale e gli strumenti ad essa correlata che sono smart card e lettori di smart card. Restringere l’ambito di analisi ci consentirà di discorrere in modo più completo e preciso sull’argomento. Inoltre, presenteremo una panoramica di alcune soluzioni proposte dall’azienda Partner Data che, con la sua pluriennale esperienza nel settore della sicurezza informatica, si presta ad essere un valido riferimento e spunto di analisi.

Firma digitale

La firma digitale può essere intesa come l’equivalente tecnologico della tradizionale firma apposta a mano su un documento cartaceo riuscendo a preservarne il valore legale. La digital sign ha come fine ultimo la certificazione di autenticità del documento, del destinatario e di integrità dello stesso documento (intesa come non alterazione del contenuto mediante sostituzione senza però entrare nel merito).

La firma digitale non deve essere confusa con la firma elettronica di inizio e fine attività lavorativa o con la firma digitalizzata depositata presso gli istituti bancari. Per quanto la tecnologia di base sia simile, la firma digitale è un concreto sistema di crittografia a doppia chiave asimmetrica. Le chiavi sono normalmente definite: privata e pubblica. La chiave privata attiene alla persona mentre la chiave pubblica è il timbro (virtuale) che si appone al documento elettronico. L’affidabilità del sistema si concentra su questi due elementi e sull’algoritmo di cifratura. In pratica, anche conoscendo un solo elemento della coppia non si può determinare l’elemento corrispondente. Quindi conoscendo la chiave pubblica non si può determinare quella privata e viceversa. La chiave privata è conosciuta solo dal titolare della firma, mentre la chiave pubblica è nota ai destinatari interessati al documento. La chiave pubblica è quindi conosciuta da tutti ed è pubblicizzata dall’ente certificatore dell’azienda.

La prima operazione si sostanzia nella determinazione di impronta del documento. In pratica si applica una funzione di calcolo che produce una stringa alfanumerica univoca e riferita a quel documento che è poi è cifrata dalla chiave privata ed allegata al documento. Il documento, corredato di tale timbro virtuale, è da considerarsi firmato elettronicamente dal mittente. Il ricevente applicherà la stessa funzione di calcolo e di de-cifratura tramite la chiave pubblica ottenendo conferma circa l’identità del mittente e l’integrità e autenticità del documento.

Principali caratteristiche delle Smart card : non solo firma digitale

Le smart card sono costruite con materiale plastico in modo analogo a bancomat e carte di credito. Esse sono dotate di memorie, di diversa tipologia, per conservare e gestire molteplici informazioni. La differenza tra le smart-card ed altri dispositivi analoghi è di possedere le informazioni funzionali, per ottemperare a circoscritte operazioni, evitando l’accesso, almeno in via teorica, ai database. Il circuito di memorizzazione e interoperabilità di tutte le carte intelligenti è regolato da processi logici dedicati che consentono di eseguire regole prestabilite attraverso elementi alfanumerici come PIN o, come vedremo più avanti, con il ricorso a dati biometrici. Esistono diverse tipologie di smart-card di cui proponiamo una breve panoramica.

Carte a memoria

Le smart card a memoria sono dotate di un dispositivo permanente comunemente indicato con l’acronimo inglese EEPROM, che significa Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory. La EEPROM è memoria permanente di sola lettura. Il salvataggio delle informazioni in tali circuiti è garantito, ogni volta, all’estrazione della carta dal lettore per abbassamento di alimentazione elettrica. Questo è il principio di base utilizzato da tutti i i reader/writer di smart card, anche quando si avvia la funzione di salvataggio impostazioni che altro non fa che disalimentare temporaneamente la memoria.

Le Memory Card hanno una capacità di memoria che si attesta intorno ai 5 KByte, e sono disciplinate da appositi documenti e specifiche tecniche standard (ISO di cui parleremo in seguito). Queste carte svolgono sostanzialmente funzioni di memorizzazione di dati ed informazioni, rese immediatamente fruibili se inserite in appositi lettori dedicati. Il PIN associato a tali dispositivi svolge una funzione di protezione dei dati, la lunghezza del PIN rappresenta il grado di sicurezza del dispositivo ed oscilla da 4 a 8 caratteri. Esso è contenuto in un apposito file contenuto nella carta non visibile e criptato. Il livello di sicurezza di questi dispositivi è relativamente basso e sono adoperati per conservare dati non sensibili.

Carte a microprocessore integrato

Le smart card a processore si differenziano dalle carte a memoria in quanto al posto di circuiti di memorizzazione sono dotate di veri e propri micro-processori, con un sistema operativo disegnato ad hoc e reso interfacciabile con altri sistemi operativi. Possedere un micro-processore significa rendere il dispositivo indipendente ed in grado di elaborare i processi idonei a determinate funzionalità. Anche le carte ICC sono corredate di PIN e supportano funzionalità crittografiche e autenticazione dei segnali. Questa particolare caratteristica li rende idonee alla firma digitale.

La capacità di memoria delle smart card con microprocessore è decisamente incrementata rispetto alle card a memoria, e può variare da 16 a 64 Kbyte. Da tenere in considerazione che una parte di tale memoria è dedicata al sistema operativo. Le carte ICC rispettano elevatissimi standard di sicurezza e sono particolarmente indicate per la gestione di materiale sensibile.

La categoria delle ICC smart card può essere suddivisa in due sotto-categorie: carte a contatto e carte di prossimità. Le Carte a contatto sono decisamente le più comuni e l’interoperabilità è garantita dal contatto fisico della carta e del dispositivo di lettura. Il contatto tra le due entità chiude un circuito elettrico, interno alla carta, che attiva la connessione. L’elemento che contraddistingue tali carte è la presenza di una piastra dorata (a circuito) ben visibile e perfettamente simile a bancomat e carte di credito. Lo standard è dalla ISO 7816/2.

Le smart card contactless (senza contatto) svolgono le stesse funzioni ma il circuito è attivato con dispositivo a radiofrequenza e la potenza del segnale determina il raggio di azione, che per convenienza e sicurezza è di pochi centimetri. In tali dispositivi la velocità di lettura subisce un ritardo di trasmissione che è impercettibile ai sensi umano e valutabile solo matematicamente. La trasmissione su radiofrequenza può essere criptata.

Carte a memoria ottica

Le smart card a memoria ottica sono provviste di una banda particolarmente indicata, per affidabilità ed efficienza, a contenere particolari informazioni biometriche e per scopi militari è utilizzata per la memorizzazione di meta-dati geografici.

Standardizzazione delle Smart card e riferimento ISO

Le caratteristiche standard delle smart card presenti sul mercato sono disciplinate dall’ISO. L’ acronimo inglese ISO significa International Organization for Standardization, e quelle dedicata alle smart-card sono:

– ISO 7816 Parte I: che disciplina e definisce le caratteristiche fisiche di una Smart Card, incluse resistenza meccanica e risposta ai campi elettromagnetici;

– ISO 7816 Parte II: la seconda parte disciplina le dimensioni e posizione dei contatti e banda magnetica di lavoro e struttura del chip (per le smart card ICC);

– ISO 7816 Parte III: disciplina i protocolli di comunicazione ed interoperabilità tra cui le funzioni di ATR (answer to reset); – ISO 7816 Parte IV: disciplina i protocolli di sicurezza e scambio informazioni con i terminali;

– ISO 7816 Parte V, VI e VII: stabilisce il formato dei dati e le regole informatiche per lo scambio dei dati tra cui l’SCQL (Structured Card Query Language) particolarmente utilizzato per le interrogazioni spaziali e autenticazioni biometriche;

– ISO 7816 Parte VIII, IX e X: disciplina i comandi addizionali.

Lettori smart card

Un lettore smart card può essere definito come una porta d’accesso per l’interoperabilità e lo scambio dei dati. Comunemente definiti terminali, i lettori di carte sono delle periferiche (hardware) rese compatibili con le smart card, che mediante specifici software dedicati garantiscono tutte le funzionalità cui queste ultime sono predisposte. Tali dispositivi sono catalogati in due grandi categorie: lettori e terminali.

Nel linguaggio comune è molto inflazionata l’inclinazione ad utilizzare entrambi i termini senza distinzione. Se da un punto di vista consuetudinario tale abitudine può essere accettata, da un punto di vista tecnico bisogna prestare molta attenzione all’appropiatezza dei termini. Infatti, i lettori sono una periferica che si interfaccia con un un PC e la connessione è garantita tramite porte seriali comuni del tipo: RS232, USB, agli slot di floppy-disk e porte IRDA ad infrarosso. Mentre i terminali, invece, non hanno bisogno di interfacciarsi con PC e sono da intendersi centri indipendenti e la loro caratteristica è quella di essere porta di ingresso e nodo di un’architettura dedicata a specifiche funzionalità.

Ecco alcuni esempi di lettori smart card offerti da Partner Data, della serie MX5:

– MX53-SC: lettore banda magnetica e lettore/scrittore carte a contatto; supporta le ISO7816(1-4), ISO7816-3

– MX53-EM: lettore a banda magnetica con frequenza di lavoro a 13.56 MHz Mifare RFID + lettore/scrittore carte a contatto supporta le ISO7816(1-4), ISO7816-3;

– MX53-EM: banda magnetica e 125 KHz EM;

– MX53-MI: banda magnetica e 13.65 MHz Mifare RFID;

Alla linea MX5 si affiancano i lettori scrittori di smart card ASEDrive IIIe, particolarmente indicati per le più moderne applicazioni che spaziano dalla firma digitale al controllo degli accessi con supporto biometrico. La serie ASEDrive IIIe è disponibile in versione USB, seriale e da tastiera. Inoltre, il sistema operativo è compatibile con le principali piattaforme (Windows, LINUX, MAC OSX).

Lettore smart card e firma digitale: cose da sapere

Problemi di erezione rimedi

Un rapporto sessuale insoddisfacente è spesso legato a problemi d’impotenza, cioè alla difficoltà da parte dell’uomo di avere o di mantenere l’erezione: un problema diffuso che coinvolge oltre 3 milioni di italiani di qualsiasi età in maniera occasionale o continuativa. Le cause possono essere di tipo psicologico, come lo stress, la depressione, lo stile di vita eccessivo, l’uso di farmaci, ma anche cause di tipo organico, come problemi di circolazione, obesità o alcune forme di diabete. I trattamenti per la disfunzione erettile sono molteplici, dipendenti dalla causa e dalla gravità del problema, da attuare sempre su consiglio del medico di fiducia.

TRATTAMENTO FARMACEUTICO

I tre farmaci più conosciuti per risolvere i problemi legati all’erezione sono il Viagra, il Cialis e il Levitra, che differiscono per il dosaggio, la durata e gli effetti collaterali, ma hanno lo stesso meccanismo di base, cioè aumentare l’afflusso di sangue nel pene in seguito ad eccitazione mentale. Particolarmente importante è il consulto preventivo con il proprio medico. Altri rimedi farmaceutici sono l’auto-iniezione di Alprostadil alla base del pene e la terapia sostitutiva di testosterone.

TRATTAMENTI CHIRURGICI, PROTESI E POMPE PER IL PENE

In caso d’inefficacia o impossibilità di utilizzo dei farmaci, si può ricorrere alla chirurgia vascolare, se il problema è legato a un vaso sanguigno danneggiato, alle protesi peniene, che consistono nel posizionare dei dispositivi gonfiabili o malleabili ai lati del pene, o alle pompe a mano o alimentate a batteria.

TRATTAMENTO PSICOLOGICO

Se il problema erettile è legato a una componente mentale individuale, come lo stress o la depressione, o ad ansia da prestazione con una nuova partner o a tensioni all’interno della coppia, l’aiuto di un valido psicoterapeutica può migliorare la fiducia in se stessi nella sfera sessuale.

CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA E MEDICINA ALTERNATIVA

L’adottare uno stile sano di vita e gestire le condizioni che favoriscono il problema di erezione, sono alla base del miglioramento della vita sessuale. Smettere di fumare, evitare l’uso di stupefacenti e di alcool, fare attività fisica regolare, dormire le giuste ore e ridurre lo stress, rappresentano piccole azioni dalle conseguenze sicuramente positive.

Alcuni studi indipendenti hanno anche dimostrato una minima efficacia degli integratori alimentari, come lo zinco, il ginseng, il DHEA (componente essenziale degli ormoni sessuali), l’arginina, l’acido folico e la vitamina E. Benché alcuni di questi rimedi naturali sembrano sicuri, altri possono causare effetti collaterali o interagire con altri farmaci, perciò il consulto preventivo con il proprio medico è doveroso. Un’altra terapia complementare è rappresentata dall’agopuntura, anche se non ci sono prove scientifiche a sostegno dell’effettiva utilità di questa soluzione alternativa per i problemi di erezione.

Problemi di erezione rimedi

Diventare imprenditore: come si fa e dove si studia

diventare imprenditoreÈ possibile imparare a diventare imprenditore?

Quello dell’imprenditoria, inutile negarlo, è un mondo complicato. Rivestire un ruolo da imprenditore comporta numerosi oneri, tra cui la piena responsabilità dell’andamento di un’azienda. Tali peculiarità del mestiere, che definire “svantaggi” sarebbe troppo irrispettoso, risultano tuttavia equilibrati da una nutrita schiera di pregi: l’indipendenza è tra questi, così come l’appagamento per aver raggiunto una posizione professionale di grande spicco. Ma soprattutto, chi riesce a muoversi con destrezza sul campo in questione può godere di una notevole remunerazione in termini economici.

Al giorno d’oggi, forse in misura maggiore rispetto al passato, l’opinione secondo cui diventare imprenditori sia un privilegio riservato a pochi è piuttosto diffusa. Questo a causa di una disinformazione generale, che ha condotto verso un insieme di luoghi comuni che innalzano l’immagine dell’imprenditore verso piani irraggiungibili. Fortunatamente, la realtà è ben diversa.

È innegabile che, per ottenere un discreto successo, la propria formazione debba essere impeccabile, e sia necessario spendere con determinazione tanto tempo nell’ottimizzazione delle proprie tattiche e del proprio bagaglio culturale. Ma ciò non rende questa posizione sociale qualcosa di inarrivabile; a tal proposito, anche nel nostro Paese, sono presenti diverse scuole in grado di fornire tutta l’istruzione di cui ogni aspirante imprenditore necessita. Nei paragrafi successivi, sarà fatta chiarezza sulla stessa figura professionale in questione, e su alcune direttive utili per scegliere il proprio corso di formazione.

L’imprenditore: di cosa si occupa?

Secondo il sistema legale italiano, l’imprenditore (che può essere sia una persona fisica sia una persona giuridica) è colui che risulti in possesso di un’attività economica d’impresa, tramite il pieno controllo della gestione. Tale figura può essere riconosciuta in diverse forme, per esempio quelle degli imprenditori commerciali e agricoli, ed è richiesto un esercizio abituale delle attività produttive (nonostante queste non debbano necessariamente costituire l’occupazione principale).

Ogni imprenditore può delegare l’amministrazione della propria azienda a piacimento, con la promozione di un gruppo di impiegati appositi; tuttavia, la forte responsabilità nei confronti dell’impresa rende necessario il possesso di una preparazione completa. Dopo un primo esame delle operazioni normalmente svolte nel campo imprenditoriale, è evidente come il mestiere analizzato corrisponda in gran parte a quello del manager: una distinzione fondamentale tra le due occupazioni si rispecchia nei fattori di rischio. Il manager, difatti, può coordinare un’intera azienda senza comunque rischiare il proprio capitale in caso di bancarotta, mentre l’imprenditore, nella norma, è sottoposto alla pressione dei risvolti personali di un eventuale fallimento.

Come gestire e selezionare il proprio percorso formativo?

Come anticipato durante il primo paragrafo, l’Italia ospita diversi enti capaci di fornire le competenze indispensabili nel caso in cui si voglia avviare l’autorevole occupazione da imprenditore. Nella scelta di una buona struttura a cui affidarsi, è bene tenere in considerazione alcuni fattori di enorme impatto. Tra questi, è bene citare la preparazione degli insegnanti: solo con una comprovata esperienza personale, difatti, un docente può trasmettere al meglio gli insegnamenti del caso, garantendo agli studenti l’esperienza opportuna.

Inoltre, la modernità e l’innovazione della formula didattica (seconde in questo elenco ma di certo non sul piano dell’importanza) contribuiscono al risalto di una scuola di formazione manageriale nei confronti delle organizzazioni concorrenti: l’arretratezza dei metodi di insegnamento, purtroppo, rappresenta una realtà tutt’ora sperimentata all’interno di numerosi istituti. Infine, a supporto di chi desidera studiare l’imprenditoria in abbinamento a una propria attività lavorativa già avviata, l’opportunità di adattamento degli orari dei corsi potrebbe risultare rilevante.

Alla luce dei requisiti appena trattati, Bologna Business School (BBS) rappresenta un’ottima scelta per gli aspiranti imprenditori, con un’ampia offerta formativa dedicata al mondo dell’impenditoria che comprende il Master in Entrepreneurship e il corso PMI Academy, orientato all’apprendimento delle dinamiche riguardanti le piccole e medie imprese.

Diventare imprenditore: come si fa e dove si studia

Mastoplastica additiva: gli specialisti di Torino

informazioni sulla Mastoplastica Additiva a Torino

I chirurghi estetici che operano a Torino sono considerati dei professionisti davvero molto affidabili, di conseguenza rivolgersi ai chirurghi che operano presso il capoluogo piemontese può essere senza dubbio una buona idea per tutte le donne che desiderano sottoporsi ad un intervento di mastoplastica additiva.

Continue reading “Mastoplastica additiva: gli specialisti di Torino”

Mastoplastica additiva: gli specialisti di Torino

Il mercato dei casino online: cose da sapere

Casino online AAMS: sempre più frequentati e sicuri

Giocare d’azzardo online è diventato sempre più comune in Italia e, soprattutto, sempre più sicuro. Per poter frequentare i casino online nel completo rispetto della normativa italiana, tuttavia, è fondamentale scegliere solo quei siti che sono stati regolarmente riconosciuti dall’AAMS, ossia l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, un organo che fa parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato. Scegliere di giocare su siti non riconosciuti dall’AAMS può essere molto rischioso, visto che il riconoscimento dell’AAMS è un’assicurazione sulla trasparenza e sull’onestà del sito stesso, ossia significa che quel casino online garantisce giocate regolari e pagamenti sicuri delle vincite.

Come fare ad avere la certezza che i casino scelti siano riconosciuti dall’AAMS? I casino online autorizzati da quest’organo che regolamenta e controlla il gioco online presentano un logo sempre ben visibile nella home page del sito e, affianco al logo, viene indicato il numero di licenza. Inoltre, essendo solo ed esclusivamente casino riconosciuti in Italia, il nome del loro sito presenta sempre l’estensione .it. Tutti i siti che presentano estensioni differenti (.com ad esempio) vengono regolarmente chiusi e non sono accessibili proprio perché considerati fuori legge, ossia illegali.

casino onlineQuando sono verificate queste tre caratteristiche (logo AAMS, numero di licenza e nome dominio terminante in .it) ci si trova sicuramente di fronte ad un casino autorizzato ma, qualora vi fossero dei dubbi, si può cercare il numero di licenza e il nome del casino proprio sul sito dell’AAMS, che riporta nomi e numeri di licenze dei casino online autorizzati ad operare in Italia.

Un altro modo per assicurarsi di utilizzare casino online autorizzati è quello di cercarli tramite motori di ricerca facendo sempre attenzione a specificare la dicitura AAMS: esistono molti siti che offrono elenchi di casino online AAMS e che mettono a paragone le differenti possibilità di gioco, le caratteristiche principali di ogni piattaforma, i pro e i contro e, soprattutto, ribadiscono l’importanza di un gioco sicuro e controllato.

Una volta scelto il casino (o i casino, visto che è possibile aprire account anche presso diversi siti) si può aprire il proprio account, ossia fare un’iscrizione al casino selezionato. Per questo motivo è fondamentale ricordare che la legge italiana autorizza il gioco d’azzardo solo per i maggiorenni: i siti di casino online sono quindi tenuti a richiedere un documento di riconoscimento, oltre ad una serie di informazioni per assicurarsi della reale esistenza della persona. Va anche specificato che una persona può aprire più account con differenti casino online ma non può creare diversi nick name con i quali giocare allo stesso casino.

Come richiesto dalla legge, le modalità di pagamento sia dal giocatore verso il casino che dal casino verso il giocatore devono essere tracciabili. Per questo motivo i casino online riconosciuti dall’AAMS accettano solo pagamenti tramite carta di credito, bonifico bancario o moneta elettronica. Al momento dell’iscrizione, i casino online richiedono un versamento che permetterà di attivare il conto per potere iniziare a giocare ai diversi game d’azzardo. In molti casi è anche possibile giocare for fun, ossia con giochi demo che non richiedono pagamenti e, naturalmente, non rilasciano vincite in denaro. A seconda dei casino online per potere giocare for fun bisogna registrarsi o meno: alcuni siti, infatti, permettono di giocare con queste demo senza richiedere alcun deposito, ma solo inserendo le proprie generalità.

Casino on line: come funzionano e che giochi offrono

I casino online sono delle piattaforme, ossia dei software, che permettono differenti giochi, alcuni comuni a tutti i siti, altri sempre differenti a seconda del casino online che si sceglie. I produttori dei software si devono attenere a regole ben precise per realizzare giochi che rispettano quanto fissato dall’AAMS in fatto di vincite, casualità e possibilità degli eventi possibili. I casino online più professionali fanno uso di diversi software di produttori differenti per garantire ai propri clienti una diversità di gioco e una maggiore scelta. In linea di massima, tutti i casino online offrono alcuni giochi di base, ossia quelli più comuni come la roulette, il video-poker, le slot machine, il blackjack e diversi giochi di abilità (anche detti skill games).

La maggior parte delle persone si appassiona soprattutto alle slot machine, per cui i produttori e sviluppatori di queste macchinette offrono sempre novità su colori, simboli, musiche, jolly e possibilità di vincita. Come si diceva in precedenza, molti casino online permettono di giocare for fun: sono soprattutto le slot machine ad essere i giochi più richiesti anche in questa modalità, che viene molto amata di chi gioca solo per passatempo e non con l’intenzione di vincere premi in denaro. Si tratta di una grande fetta di utenti, sia uomini che donne, che ama il gioco e quando sceglie di provare la fortuna o di testare le proprie abilità solitamente lo fa con puntate piccole, per assicurarsi che un’eventuale perdita non rovini il divertimento.

Va specificato che le versioni for fun sono anche molto utilizzate da quanti, prima di iniziare a giocare a soldi, vogliono testare un determinato gioco, impararne le caratteristiche, le regole e comprendere le reali possibilità di vincita in modo da gestire al meglio il proprio capitale da investire e, soprattutto, comprendere se quel tipo di game è veramente appassionante. In questo caso un ulteriore valido aiuto è dato dall’assistenza clienti: la scelta di un casino online che assicura un servizio clienti veloce e competente è fondamentale per poter comprendere al meglio non solo eventuali funzionamenti dei vari tipi di gioco, ma anche e soprattutto per fugare dubbi relativi a problematiche burocratiche, alle modalità e i tempi di pagamento, alle modalità di iscrizione o alle possibilità di utilizzo dei bonus.

I bonus rappresentano una delle caratteristiche più interessanti dei casino online. Si tratta di differenti tipologie di ‘regali’, sotto forma di soldi accreditati sul conto di gioco. I bonus vengono regolarmente offerti ai clienti e possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per giocare (cioè non possono essere prelevati dal conto). I casino online dispongono di moltissimi tipi differenti di bonus, dal molto comune bonus di benvenuto, che viene offerto ai nuovi clienti, ai bonus per volume di gioco, da quelli settimanali a quelli che rimborsano le perdite.

Fatta eccezione per il bonus di benvenuto, che può variare nella consistenza ma che viene quasi sempre offerto ai giocatori, tutti gli altri bonus possono essere tipici di un casino online o di un altro oppure possono essere previsti solo in periodi particolari, facendo parte di promozioni specifiche. Alcuni bonus vengono poi creati per clienti particolari, che depositano elevate somme di denaro o che effettuano elevati volumi di gioco: si tratta però di casi rari e ben definiti che fanno parte di programmi di fidelizzazione specifici e differenti da casino in casino. Vista la varietà dei bonus proposti è sempre bene, quando se ne riceve uno, controllare tutti i termini di utilizzo dello stesso per non rischiare di farne un utilizzo erroneo.

Casino e sicurezza

In apertura, è stato sottolineato come la scelta di giocare su casino online riconosciuti dall’AAMS sia sinonimo di sicurezza. I motivi sono molto semplici e possono essere spiegati in poche parole. Una delle maggiori paure di un gambler è quella di essere truffato, ossia di non essere pagato quando si siano accumulate una serie di vincite. Va specificato che i casino online riconosciuti prevedono un contratto ed un regolamento in cui sono riportati tutti i termini e le condizioni sia relativi ai pagamenti che ai tempi di pagamento. Ad esempio, alcuni casino possono specificare che pagano le vincite solo al raggiungimento di una determinata cifra, altri che pagano in ogni momento: si tratta in ogni caso di informazioni che si trovano regolarmente sul sito del casino scelto.

Un’altra preoccupazione, anche essa molto comprensibile, riguarda i dati personali e bancari che vengono forniti e il loro trattamento, ossia l’uso che ne viene fatto. I siti di gambling riconosciuti dall’AAMS sono protetti da crittografie molto avanzate per cui è quasi impossibile che possano essere presi di mira da hacker interessati a rubare le informazioni dei clienti. Per questo motivo, chi ha intenzione di aprire un account presso un casino online non deve temere un uso inappropriato delle informazioni che vengono fornire: la certificazione AAMS, infatti, viene assegnata anche a seguito di controllo delle misure di sicurezza atte alla protezione della privacy dei clienti.

Proprio per questo, e non solo per la possibilità di non ricevere i dovuti compensi quando si vince al gioco, è fondamentale assicurarsi di aprire account solo ed esclusivamente con casino riconosciuti dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. D’altro canto, bisogna anche ricordare che giocare su siti non autorizzati dall’AAMS non è solo una scelta rischiosa, ma anche illegale: il gioco d’azzardo, infatti, è consentito solo nel pieno rispetto della legge e se un casino online non ha ottenuto il riconoscimento dell’AAMS vuol dire che non rispetta una o più norme richieste per un gioco corretto, trasparente e sicuro.

Se ami giocare d’azzardo, prova Paddy Power: casino on line.

Il mercato dei casino online: cose da sapere

L’efficienza di una casetta mobile

I vantaggi della Casetta Mobile

La Casetta Mobile risulta essere una nuova tipologia d’immobile che, da diversi anni a questa parte, sta ottenendo un grande successo: ecco in cosa consistono tali strutture.

Le casette mobili: cosa sono

Le Casette Mobili, come suggerisce il nome stesso, altre non sono che delle abitazioni, realizzate con del legno resistente e soprattutto perfetto sotto ogni punto di vista, dotate di un particolare carrello, posto nelle fondamenta, nella quale base sono presenti delle ruote che permettono di effettuare il trasporto della propria casa.

Si tratta quindi di una particolare tipologia di abitazione che, sotto un punto di vista estetico, si differenzia ben poco dalla classica casa in legno ma che possiede il vantaggio di poter essere trasportata senza alcuna difficoltà.

I vantaggi della casetta mobile

Come vantaggi della Casetta Mobile, il primo che risulta essere facilmente intuibile consiste nel fatto che, tale tipologia di abitazione, permette ad una persona di poter rimanere rilassata e soprattutto in grado di poter sfruttare, al cento per cento, le comodità della propria casa.

Basti pensare ad un lungo viaggio che viene effettuato: dover stare in albergo potrebbe non essere la migliore delle scelte mentre, con la propria casa, una persona non dovrà adattarsi a nessuna regola e pertanto potrà vivere la sua gita in maniera tranquilla e senza problematiche.

Inoltre bisogna sottolineare che, i tubi dell’acqua e di scarico, risultano essere particolari: essi potranno essere agganciati alle stazioni dotate di tali condutture e la casetta mobile potrà essere efficiente al cento per cento, senza alcun tipo di problematica che, spesso e volentieri, rende meno piacevole l’effettuare un viaggio con tale tipologia di abitazione.

L’efficienza delle casetta mobile

La Casetta Mobile risulta essere efficiente al cento per cento ed in grado di offrire, ad una persona, un livello di comodità che risulta essere veramente elevato: inoltre, il non dover rinunciare alle proprie cose durante un viaggio sarà un elemento garantito grazie alla suddetta casetta in legno mobile.

Per scoprire il costo di una casetta mobile visita il sito.

L’efficienza di una casetta mobile