Fermenti lattici vivi per aiutare il “cervello intestinale”

Cosa sono i fermenti lattici e perchè usarli
I fermenti lattici sono gli alleati della salute intestinale, da cui dipende per certi versi anche quella del resto del corpo.
In nostro “cervello intestinale” è soggetto, infatti, a un delicato equilibrio che può essere compromesso in vari modi, a cominciare da una dieta disordinata e che non tiene conto dei danni che può arrecare ai miliardi di batteri presenti.
Per favorire il buon funzionamento dell’intestino è necessario integrare quella parte di batteri che aiutano la digestione e che normalizzano le reazioni dei vari tratti, evitando d’incorrere in episodi di stitichezza, dissenteria, flatulenza.
L’intestino risponde anche al vissuto personale e può manifestare problemi digestivi, con gastrite e acidità di stomaco, colite, dolori addominali, gonfiore, fino alla Sindrome del colon irritabile e altre disfunzioni che possono compromettere la qualità della vita.
Assumere i fermenti lattici vivi diventa quindi una necessità e in particolare quelli vivi, di cui tanto si sente parlare specie per la loro presenza negli yogurt, nei quali vivono naturalmente .
Tali batteri sono già presenti in tutti i tratti intestinali, quindi sono sostanze del tutto naturali e che non presentano alcuna controindicazione.
I benefici dei fermenti lattici sono diversi e tra questi :<ul>
<li> rinforzano il sistema immunitario
<li> regolarizzano le funzioni intestinali
<li> riducono l’assorbimento del colesterolo
<li> prevengono la cosiddetta “diarrea del viaggiatore”
<li> proteggono la flora batterica intestinale dagli antibiotici
<li> favoriscono la sintetizzazione di alcune vitamine (B12 e K)
</ul>Sistema immunitario e fermenti lattici
Il sistema immunitario può essere indebolito dalle varie patologie che si possono contrarre lungo il corso della vita, ma anche dalle abitudini alimentari scorrette, da un tenore di vita stressante, dal cambio di stagione e dagli sbalzi di temperatura.
Per il benessere del corpo è, dunque, è necessario porre attenzione ai messaggi che l’intestino invia manifestando un disagio.
Per curare le infezioni solitamente si assumono farmaci antibiotici che, se non accompagnati da una preventiva preparazione della flora intestinale, possono danneggiarla seriamente. Questo porta paradossalmente a una risposta debole alla stessa terapia farmacologica, che deve comunque essere seguito sotto stretto controllo medico.
Il miglior modo di prevenire un danneggiamento della flora batterica intestinale e l’assunzione dei cosiddetti probiotici e prebiotici, che sono appunto contenuti nei fermenti lattici.
Bisogna distinguere la funzione svolta dai probiotici e dai prebiotici, per capire come aiutare e regolarizzare il “cervello intestinale”.

<ul>

<li> I probiotici sono dei batteri già presenti nell’apparato digerente e sono quelli cosiddetti “vivi”, cioè non vengono intaccati dagli acidi e continuano il loro percorso fino all’ultimo tratto, che è il colon.
Sono quelli necessari a ripristinare la flora batterica e sono indicati quando si manifestano dei disturbi normalmente riconducibili a una sindrome detta “disbiosi”.
I probiotici agiscono aiutando la digestione dei cibi e l’assorbimento di tutti i nutrienti (vitamine, minerali, lipidi, carboidrati, fibre).
Sono indicati non solo durante la convalescenza dopo un qualsiasi intervento chirurgico, ma anche se si abusa di cibi grassi, alcool, carboidrati e proteine.
Queste ultime, in particolare quelle di origine animale, se assunte in eccesso si configurano come un agente tossico, sia per l’intestino che per lo stesso cervello nel lungo periodo. Per tale motivo sono sconsigliate nella dieta, specie se ci sono precedenti in famiglia di demenza senile e patologie degenerative del cervello, come il Morbo di Alzheimer e quello di Parkinson.

<li> i prebiotici sono il nutrimento di cui si servono i probiotici per moltiplicarsi nell’intestino e ripristinale un regolare equilibrio della flora.
</ul>

L’azione di questi batteri è utile associando una dieta sana ed equilibrata, senza cadere negli eccessi ed evitando lieviti e muffe, presenti per esempio in alcuni latticini come il gorgonzola e i cibi fermentati.

Altri benefici dei fermenti lattici
L’assunzione dei fermenti lattici potrebbe essere anche la chiave per risolvere un problema che assilla soprattutto le donne, sia in età fertile che durante la menopausa. Si tratta della candida, in particolare la forma “Albicans” che è quella propriamente intestinale.
Anche i batteri della candida Albicans sono naturalmente già presenti nell’intestino, ma possono cominciare a proliferare in modo consistente creando problemi digestivi, reflusso gastroesofageo, malessere generalizzato.
Le cause sono da ricercarsi nel calo delle difese immunitarie, spesso legate allo stress, alla depressione, all’insoddisfazione o a un carico emotivo che non si riesce a gestire nel modo giusto.
Il “cervello intestinale” secondo la scienza medica risponde con uno squilibrio, che può essere corretto con l’assunzione di batteri benefici, come appunto i probiotici.
C’è anche un legame tra la candida Albicans e quella vaginale e hanno in comune proprio lo squilibrio della flora batterica, che coinvolge le mucose esponendo la donna a recidive.
Queste ultime si possono prevenire con l’assunzione periodica dei fermenti lattici, come il Lactobacilluso il Bifidus, che sono quelli considerati benefici per combattere in particolare questo disturbo.
È sempre bene chiedere consiglio al proprio medico di famiglia, per avere informazioni sulla posologia, il periodo di assunzione e l’eventuale affiancamento di integratori alimentari che li contengano.
Tali batteri si trovano soprattutto nei latticini, ma possono anche essere assunti con integratori e sono disponibili nelle farmacie, sanitarie e online.
Di norma vanno assunti o a digiuno oppure dopo i pasti, per aiutare la digestione e portare tutti i benefici descritti, specie durante i cambi di stagione.

Fermenti lattici vivi per aiutare il “cervello intestinale”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *